lunedì 10 febbraio 2014

La realtà in scivolata

Il curling come tutti i giochi può indurre dipendenza, soprattutto se praticato da persone spinte da altre necessità che non quella puramente ludica.
Il pericolo maggiore che individua Maria Gabriella Manno, psicoterapeuta del centro studi Psicosomatica di Roma, è legato alla "compensazione nevrotica". Anche se non rientra attualmente tra le ludopatie, il curling può comunque portare gli individui a scaricare le proprie energie nel gioco, bloccando le capacità affermative nella vita.
Si è portati comunemente a concepire il curling come una trasposizione delle bocce nella realtà, ma non è così. "A livello cognitivo", chiarisce la psicologa "questo paragone non calza. Il giuoco delle bocce ingenera un senso di preveggenza che nulla ha a che vedere con il curling. Certo, per evitare ogni tipo di patologia è necessario avere sviluppato il senso di consapevolezza. Alla base di questo sport tuttavia c'è un aspetto naturale, quasi biologico. L'uomo subisce da sempre il fascino del bersaglio, perché soddisfa in lui il bisogno innato della competizione. Si pensi alle tribù che rappresentano il raggiungimento dell'obiettivo attraverso le proprie danze tradizionali. Non c'è molta differenza con questo sport".
Ma se esistono certamente aspetti positivi, come lo sviluppo dell'autocontrollo, della decisionalità e della leadership, non bisogna perdere di vista i pericoli cognitivi legati al curling. Primo fra tutti proprio la compensazione. "Tutto dipende dal tempo mentale che gli si dedica", aggiunge Manno "Ci possono essere casi in cui i soggetti tentano di compensare la propria affermazione individuale attraverso il gioco. È come se si creasse uno scollamento tra la vita reale e la pratica ludica. L'individuo si blocca nella vita, non riesce a soddisfare le proprie ambizioni e le scarica nel gioco. I sintomi più comuni sono l'eccessivo investimento economico, temporale ed energetico. Tuttavia ogni caso va analizzato singolarmente, anche perché non esistono studi specifici sul curling".

5 commenti:

ilcomizietto ha detto...

Ok, il trucco l'ho capito. :-)

Sulla questione: la psicologa ha detto cose sensate nel modo sbagliato. "non esistono studi specifici sul curling" è un autogol.

Anonimo ha detto...

siamo animali, ragazzo, e anche un po' folli

Michele Ciambellini ha detto...

Scusate ma questo post è un fake, conosco bene la gabriella manno, l'articolo riguardava il soft air, avete cambiato "soft air" con "curling". Riferirò alla dottoressa tale imprecisione.

Vi consiglio di riportare la news corretta oppure eliminare il post.

Saluti, Michele Ciambellini.

m.fisk ha detto...

Lei è un genio, se lo lasci dire

Michele Ciambellini ha detto...

Questo è l'articolo nella sua completezza.

Come può vedere non si tratta di curling.


http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2014/02/10/news/giochi_di_guerra_un_esercito_di_finti_soldati_invade_l_italia-78182075/?ref=HREC1-43#realta

 

legalese
Il contenuto di questo sito è rilasciato con la seguente licenza:
- ognuno può farne quel che gli pare
- l'eventuale citazione del nome dell'autore e/o del blog è lasciata alla buona educazione di ciascuno