mercoledì 6 luglio 2011

Comunicazione di servizio per l'AGCOM

Il tenutario di questo blog, essendo oramai vecchio, cinico e pragmatico, quando sente parlare di catastrofismi, censure, dittature e pensieri unici ha la medesima reazione che aveva il Dr. Goebbles.
Il tenutario di questo blog fa fatica a credere che i Poteri Forti vogliano espropriarlo del diritto di parola, che le Grandi Multinazionali vogliano controllargli la vita, che i Big Boys dell'Economia e della Politica vogliano espropriarlo.
Il tenutario di questo blog sa bene di non contare un cazzo; sa bene che la poca visibilità che si è costruito in una ventina d'anni di frequentazione della rete non ha alcuna importanza nella vita reale. Sa bene che i problemi veri sono altri: pagare le bollette, affrontare i cinque presi dal figlio a scuola, la salute della mamma oramai anziana e il fatto che non si riesce più a bere un Milano-Torino decente in tutta la città. Anche scrivere sul blog e chiacchierare sui socialcosi con quella ventina di amici, certo; e attraverso quelle conversazioni cambiare il mondo proprio come abbiamo fatto ieri sera io, Gatto e il Teto (cfr. la documentazione fotografica allegata; e se non vi siete accorti che il mondo da ieri sera è diverso, la colpa è solo vostra, che siete inguaribilmente arretrati).
Ma il tenutario di questo blog sa che tra i propri venti lettori ce ne sono un paio che invece credono che i blog contino qualcosa; che scrivere qui sopra sia un atto politico e rivoluzionario; che Twitter rovesci le dittature, Facebook elegga i presidenti delle grandi democrazie federali e la moschea di Sucate abbia contato più di due mesi di campagna elettorale nei mercati e nelle piazze.

E allora facciamo così: metto qua sotto un bel contenuto incontestabilmente piratato, del quale perfino un neonato capirebbe che è stato fatto in barba a qualunque diritto d'autore, e aspetto che l'AGCOM passi di qui e mi chiuda il blog. Anzi, dato che il blog è ospitato su server che stanno all'estero, aspetto che l'AGCOM chiuda Blogger, che ospita questo post, e Youtube, che ospita il contenuto piratato.
Scommettiamo che l'anno prossimo questo post sarà ancora qui?

11 commenti:

.mau. ha detto...

Lei fa il gradasso solo perché l'AGCom non ha ancora fatto passare la delibera, ne sono certerrimo.

E poi cosa sarebbe il Milano-Torino?

lo scorfano ha detto...

Io e .mau. condividiamo l'ignoranza sul MIlano-Torino; segno della nostra assoluta estraneità (mi scusi se mi permetto, dottor matematto) al mondo vero.

m.fisk ha detto...

Se seguite questo link vedrete che l'estensore del ricettario prevede l'utilizzo di soda, confondendo così il Milano-Torino, che ne è privo, con l'Americano il quale, per l'appunto, è un Milano-Torino con il seltz.
Oramai, ahinoi, quei pochi bar in qui si può bere qualcosa di simile hanno il Punt e Mes, peraltro ottimo, mentre il Vermut Carpano è divenuto introvabile.

.mau. ha detto...

Avv, lei sì che è un uomo di mondo! Io credevo che financo il Punt e Mes fosse ormai sparito dalla circolazione...

lo scorfano ha detto...

Comunque adesso, forte della mia notorietà corrieristica, io segnalo questo post all'Agcom. E poi le portiamo il Punt e Mes dietro le sbarre, vedrà...

Cristian ha detto...

interessante, anche io pensavo che il punt e mes esistesse solo nei vecchi film di Tomas Milian. Per quanto riguarda l'oscuramento invece è molto facile vedersi oscurati singoli post anche su piattaforme come questa per il cosidetto DMCA: http://jonathanlewis.wordpress.com/2010/08/26/dmca/

everythinginthebar ha detto...

Il mio post evidenzia solamente quello che ha scritto nel suo libro Luca Picchi , Barman Aibes il quale ha fatto prima di scrivere il libro " Sulle tracce del Conte " La vera storia del cocktail "Negroni" delle ricerche e non solo in internet, ma andando in uffici e residenze atti a considerare la materia in discussione.
Innanzitutto il milano-torino prevede vermouth rosso Carpano e bitter campari più soda (quanto basta) mentre l' americano prevede il Vermouth della Martini e bitter Campari più soda (q.b.).
E qui continua la storia del Conte Negroni....
Saluti a tutti

annarella ha detto...

Avvocato consideri che anche a Torino sono pochi i posti ove fanno un Americano come pantheon comandano :(

E tutto questo nella città del vermuth :(

Anonimo ha detto...

A Torino, nei bar, si fanno quelli che credo siano i peggiori cocktails d'europa. Ma il Carpano ("normale" o "antica ricetta") si trova molto facilmente nei negozi.

marcocampione ha detto...

hai commesso un errore marchiano: citare agcom nel testo. sicuramente l'agcom avrà un google alert per il termine "agcom" e ora ti beccano subito

Grace87 ha detto...

più veloci di quanto si aspettasse signore..

 

legalese
Il contenuto di questo sito è rilasciato con la seguente licenza:
- ognuno può farne quel che gli pare
- l'eventuale citazione del nome dell'autore e/o del blog è lasciata alla buona educazione di ciascuno