mercoledì 7 luglio 2010

Piano anticaldo

Fa caldo a Milano, il che non dovrebbe sorprender troppo, dato che siamo a luglio.
Negli uffici c'è l'aria condizionata; e da qualche tempo c'è anche in metrò e sugli autobus. Io, che sono convalescente dalla rottura del polso, ho ricominciato a prender la biccletta per brevi tratti, ma non avendo il pieno controllo della mano sinistra non mi fido ancora a fare il tragitto casa-lavoro e viceversa, e quindi uso i mezzi pubblici.
Passo quindi dal caldo al gelo, varie volte al giorno. E mi chiedo perché mai dentro una carrozza del metrò a luglio debba esserci una temperatura inferiore a quella che si registra nella stessa carrozza a dicembre. Tanto più che a dicembre ho il cappotto, mentre a luglio, di regola, circolo in maniche di camicia.

Ma ho divagato: non è questo che volevo dire.
Quel che volevo farvi sapere, in effetti è che al Giornale (quello del fratello del Presidente del Milan) si è rotta l'aria condizionata.

7 commenti:

.mau. ha detto...

Si vede che non volevano lasciare a Giulietto Chiesa il monopolio di certe conoscenze esoteriche.

Anonimo ha detto...

Due domande sono sorte spontanee nella mia famiglia:
1)E' Dan Brown che ha scritto l'articolo? (io)
2)Hanno "hackerato" il sito del Gionale? (mio figlio)
Bello andare a far il pranzo dopo una sana risata!
Luciana

Diego ha detto...

No, dai, seriamente: qualcuno ha _davvero_ letto oltre il catenaccio?

.mau. ha detto...

@Diego: certo.

m.fisk ha detto...

io me lo son letto tutto, e ti assicuro che ne è valsa la pena. comunque .mau. ha svolto un'opera meritoria facendo il riassunto per chi non ci ha tempo.

Diego ha detto...

Ah, ho capito.
Siete al penultimo livello, giusto?
Non voglio immaginare cosa preveda l'ultimo... :-O

Massimo ha detto...

non spoilerate che ho letto solo la prima pagina e ho dovuto sospendere per le convulsioni

 

legalese
Il contenuto di questo sito è rilasciato con la seguente licenza:
- ognuno può farne quel che gli pare
- l'eventuale citazione del nome dell'autore e/o del blog è lasciata alla buona educazione di ciascuno