martedì 8 novembre 2011

Buone notizie?

Per l'Inps era totalmente cieco e da oltre quindici anni percepiva una pensione d'invalidità totale, compresa un'indennità di accompagnamento. I carabinieri di Bergamo lo hanno arrestato mentre faceva giardinaggio nella sua abitazione, dopo averlo pedinato per sei mesi mentre passeggiava con la moglie, aiutava un amico a parcheggiare l'auto e montava l'ombrellone sulla spiaggia per ripararsi dal sole. In manette è finito un uomo di 68 anni, originario della Bassa Bergamasca, con l'accusa di truffa aggravata e continuata. I militari lo controllavano da aprile, dopo una segnalazione arrivata in caserma. L'uomo era stato dichiarato cieco totale nel 1995 e da allora, secondo le indagini, aveva percepito indebitamente dall'Inps una somma pari ad oltre 150 mila euro. L'uomo si trova ora agli arresti domiciliari.
Il candidato, dopo aver letto questa notizia, indichi verso quali soggetti debba indirizzarsi la propria indignazione e i relativi motivi.

6 commenti:

.mau. ha detto...

avv., le forze dell'ordine volevano essere certe che le imprese del nostro invalido non fossero casuali ma effettivamente legate a una sua capacità visiva.
Inoltre, come ben raccontato nei vangeli, non può essere esclusa la possibilità di un avvenuto miracolo, nel qual caso le suddette forze dell'ordine hanno voluto verificare se il cieco nato tornasse a ringraziare per la sua improvvisa guarigione (o era il lebbroso? il chilo mi obnubila)

Zagabart ha detto...

La mia indignazione si muove soprattutto verso l'amico della siepe e dell'ombrellone.
Anche se, comunque, probabilmente chi lo aveva dichiarato cieco nel 1995 non scherzava per niente in quanto a facciaculismo.

Anonimo ha detto...

Verso i bergamaschi
Silvia

Anonimo ha detto...

Il medico che ha certificato l'invalidità?
ilcomizietto

pensierioziosi ha detto...

780€ al mese?

Anonimo ha detto...

Il sole

 

legalese
Il contenuto di questo sito è rilasciato con la seguente licenza:
- ognuno può farne quel che gli pare
- l'eventuale citazione del nome dell'autore e/o del blog è lasciata alla buona educazione di ciascuno