mercoledì 19 novembre 2008

Facebook


Quando leggo un articolo della spampa mainstream su Facebook, tipo questo, non riesco mai a capire se sono io che vivo sulla luna non rendendomi conto di quel che mi succede intorno, o sono i giornalisti che fumano roba molto, ma MOLTO buona.

7 commenti:

Luigino ha detto...

Effettivamente conosco decine di persone per i quali Facebook è una specie di droga psicologica. Passano ore della giornata a rispondere ai cd "amici" che raggiungono numeri spropositati.
Ieri mia sorella che vive in India mi ha invitato l'invito ad iscrivermi. L'ho mandata virtualmente e bonariamente a cagare.

Mog ha detto...

Alla fine, tutti quelli che sono iscritti non fanno che raccontare di ritrovamenti di compagnucci di scuola, dalle elementari in su. Mi fa 'na tristezza... Anch'io sarà un anno che rifiuto inviti, con più o meno grazia a seconda del caso.

mfisk ha detto...

Io non faccio altro che tenere i contatti e dimenticarmene il più possibile, salvo quelle più o meno rare volte che ho bisogno di contattare qualcuno. In tal caso ce l'ho lì bello e pronto, e gli mando una mail o un messaggio.
Nei giorni scorsi ho avuto bisogno di sentire una mia ex-collega ora a Parigi e un ex compagno di università, dei quali non avevo il cellulare: da quel punto di vista è impagabile.

Mog ha detto...

Forse sono io che non capisco bene: passi per trovare i contatti delle persone di cui hai perso il cellulare (ammesso che siano iscritte a Facebook), ma per quanto riguarda dover inviare mail o messaggi a gente che hai in rubrica, non basta la cara vecchia posta elettronica o l'ancor più vecchio telefono?
(mi sa che ho una concezione delle relazioni sociali un po' poco moderna, mi sa)

mfisk ha detto...

@mog: Disponendo dell'indirizzo di posta elettronica e/o del numero di telefono, è indubbiamente possibile e freferibile inviare un messaggio di posta elettronica o comporre il numero: concordo appieno. Io mi riferisco a quando non ce l'hai, l'indirizzo; o non ce l'hai più; o il tuo corrispondente l'ha cambiato :-)

Roberto Orsini ha detto...

Che i giornalisti fumino roba buona quando scrivono di tecnologia e` fuori da ogni dubbio.
In particolare per quanto riguarda Facebook, a me sta servendo molto. Ci ho recuperato un sacco di vecchi contatti che avevo perso nel corso degli anni causa vite che avevano preso strade diverse e che mi ha fatto molto piacere ritrovare. La possibilita` di commentare su tutto quello che si fa mi sembra una buona simulazione dello small talk che si fa in una serata tra amici, ma senza le voci che si sovrappongono e senza doversi mettere d'accordo sul quando uscire e dove andare. Poi, eventualmente, se si ha qualcosa di piu` importante da dire, si passa in privato.
Ci passero` si` e no mezz'ora al giorno, ma in compenso uso un client di messaging che mi permette di usare la sua chat senza essere sul sito.

Poi, per inciso, se qualcuno ne rimane dipendente, chissenefrega. Saranno affari suoi. Non si puo` mica costruire Internet girando attorno a tutti gli svitati di questo mondo.

Massimo ha detto...

la seconda che hai detto.

 

legalese
Il contenuto di questo sito è rilasciato con la seguente licenza:
- ognuno può farne quel che gli pare
- l'eventuale citazione del nome dell'autore e/o del blog è lasciata alla buona educazione di ciascuno