sabato 17 gennaio 2009

Ateismo reloaded /2

Giusto un cenno per dire che, al di là dei motivi logico-filosofici che mi spingevano a non apprezzare l'iniziativa dell'UAAR (o, meglio, il suo lettering), e preso atto che, come giustamente osservato, non si è mai vista una campagna di queste dimensioni a costo 0 o addirittura inferiore, l'UAAR meriterebbe un monumento per aver inconfutabilmente dimostrato che, all'alba del 2009, viviamo in uno stato talmente laico da impedire di esprimere le proprie opinioni in tema di religione.
Non è del tutto secondario rilevare che è ancora in vigore un articolo della Costituzione (il 21) che garantisce ad ognuno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. Carta straccia, ormai.

3 commenti:

.mau. ha detto...

a me preoccupa soprattutto notare come la libertà di espressione, prima di diventare non libertà, sia diventata "libertà di espressione se hai i soldi per pagare una pubblicità".

Rouge ha detto...

Pur nutrendo dubbi sulla frase scelta, che però non ho trovato in nessun modo offensiva, ho appezzato l'iniziativa dell'Uaar, che mi pare abbia raggiunto lo scopo prefisso. Si è ampiamente dimostrato che l'Italia è uno Stato laico solo sulla carta.

mfisk ha detto...

Infatti anch'io non l'ho trovata offensiva. Illogica; irrazionale, per l'uso di quell'indicativo impossibile da dimostrare. Ma non offensiva, se non per coloro che da secoli offendono coloro che non pensano come loro.

 

legalese
Il contenuto di questo sito è rilasciato con la seguente licenza:
- ognuno può farne quel che gli pare
- l'eventuale citazione del nome dell'autore e/o del blog è lasciata alla buona educazione di ciascuno